71 ( Yann Demange, 2014 )

11190354_ori sabato 25 luglio, 2015
Domenico Astuti
Letto 58 volte

Abbiamo visto 71

Un film di Yann Demange. Con Jack O’Connell, Sam Reid, Paul Anderson, Sean Harris, Richard Dormer.   Titolo originale ’71. Thriller politico, durata 99 min. – Gran Bretagna 2014. – Good Films uscita giovedì 9 luglio 2015.

71 è uno di quei film potenti che lasciano senza fiato lo spettatore. Diretto e recitato con forza ed energia, non dà scampo e si ascrive a quel cinema indipendente anglofono senza concessioni che ci rammenta un altro film, Bloody Sunday ( scritto e diretto da Paul Greengrass nel 2002 ), film che vanno sicuramente oltre al Cinema contiguo dei Jim Sheridan ( Nel nome del padre, 1993 ), Neil Jordan ( La moglie del soldato, 1992 ) o Ken Loach ( Il vento che accarezza l’erba, 2006 ). E’ un film quasi perfetto tecnicamente e sembra rimanere fedele ai terribili fatti che racconta, conservando un ritmo originale e avvincente degno del miglior film d’azione; se una critica si può fare è di tipo politico, non si dovrebbero raccontare dei fatti tragici contemporanei senza contestualizzarli: come se lo spettatore dovesse sapere abbastanza di cosa è stata la lotta disperata e sconvolgente del popolo irlandese contro l’occupazione inglese, degli orrori che ne sono conseguiti da entrambe le parti, delle cause e degli effetti che si sono prodotti. O, peggio ancora, scegliere di prendere le distanze tra chi ha diritti e chi li nega come fossero due facce della stessa medaglia ( bisognerebbe che tutti i registi che si approcciano a tali tematiche andassero a scuola de La Battaglia d’Algeri di Pontecorvo ). E poi la recluta Gary Hook è così ignara di tutto che sembra un po’ come se venisse da un altro mondo e non sapesse trarne delle conseguenze di ciò che gli capita.

Siamo nel 1971, in uno dei tanti tragici momenti della guerra tra cattolici e protestanti nell’Irlanda del Nord. Gary Hook è una recluta dell’esercito inglese, invece di essere mandato fuori dl suo Paese viene inviato a Belfast. Lì gli scontri sono quotidiani, c’è un odio sedimentato da secoli verso gli Inglesi e il suo esercito occupante ( pensate come è drammaticamente ridicola la Storia: il re Enrico VIII° nel 1532 pur di separarsi dalla prima moglie cattolica Caterina d’Aragona e sposarsi con Anna Bolena farà lo Scisma Anglicano nel bel mezzo della rivolta luterana e quindi con la Pace di Augusta ci sarà l’obbligo per i sudditi di seguire la confessione religiosa del proprio sovrano, gli irlandesi sarebbero dovuti diventare protestanti cosa che non hanno mai accettato de quindi la ribellione nei secoli ).   Per Gary i buoni e i cattivi dovrebbero essere ben definiti, i Protestanti ‘ amici ‘ da una parte e i Cattolici ‘ nemici ‘ dall’altra, ma come è normale nella vita non manichea ci sono ufficiali inglesi che fanno per loro tornaconto il doppio gioco e così anche all’interno dell’Ira ci sono oramai due fazioni quella degli anziani un po’ equivoca e quella dei giovani duri e puri che non accettano più di essere comandati. Gary si trova immediatamente coinvolto nella rivolta e durante una perquisizione in un quartiere cattolico perde il contatto con gli altri soldati assieme ad un commilitone, mentre l’altro è immediatamente ucciso da un giovane dell’Ira, lui riuscirà fortunatamente a scappare e nascondersi in un cesso pubblico e da qui inizia la sua notte di passione per riuscire a sopravvivere a cattolici che lo cercano per ucciderlo e a un gruppetto di ufficiali inglesi che vorrebbero ueliminarlo perché involontariamente ha visto che preparavano un attentato per far incolpare l’Ira…

Un certo tipo di Cinema britannico si è interessato a questa terribile guerra civile ( Il durissimo film Shame del 2011 di Steve McQueen è l’ultimo della serie ), sono stati girati film importanti ed essenziali ma sembrano tutti pezzi di un puzzle non ancora montato, non c’è ancora stato un film completo e complessivo di questa guerra civile che fino a pochi anni fa ha tenuto, non solo l’Europa, in forte preoccupazione. Un po’ come se tutti i registi si fossero avvicinati troppo a fatti specifici senza prenderne le distanze per raccontare questa guerra nel complesso. Forse servirebbe un Pontecorvo o un Oliver Stone.

Lascia un Commento

*

Scrivi anche tu
su Traffico di parole

GLI ARTICOLI PIU LETTI

PAROLE IN TRAFFICO

CATEGORIE

Meta