Lettera di Luiz Inácio Lula da Silva, prigioniero politico – di Lula da Silva

shjbvjojirae-720x300 mercoledì 20 marzo, 2019
Riceviamo e pubblichiamo
Letto 52 volte

Miei amici e mie amiche,

Prima di tutto, voglio ringraziare la solidarietà e l’affetto che ho ricevuto dal popolo brasiliano e dai leader di altri paesi durante questo quasi un anno in cui sono ingiustamente incarcerato. Un ringraziamento speciale ai compagni della veglia a Curitiba, che mi consolano ogni giorno, per i membri che costituiscono i comitati Lula liberi dentro e fuori dal Brasile, avvocati, giuristi, intellettuali e cittadini democratici manifestano per la mia liberazione.

La forza che mi fa resistere a questo calvario viene da voi e dalla convinzione di essere innocente. Ma resisto soprattutto perché so che ho ancora un’importante missione da compiere in questo momento in cui la democrazia, la sovranità nazionale ed i diritti del popolo brasiliano sono minacciati da potenti interessi economici e politici, comprese le potenze straniere.

Come ho sempre fatto nella mia vita, e ci sono più di 45 anni di attività sindacale e politica, vedo questa missione come una sfida collettiva. La lotta che fare per avere un processo equo, che la mia innocenza è riconosciuto a fronte di prove inconfutabili difesa, ha senso solo se è intesa come parte della difesa della democrazia, il ritorno dello stato di diritto e un progetto di sviluppo con l’inclusione sociale che il paese vuole ricostruire.

Ogni giorno che passa è più chiaro alla popolazione e all’opinione pubblica internazionale che sono stato condannato e imprigionato per la sola ragione che, libero e candidato, sarebbe stato eletto presidente dalla grande maggioranza della popolazione. La mia candidatura è stata la risposta della gente all’entroguismo, all’abbandono dei programmi sociali, alla disoccupazione, al ritorno della fame in Brasile, a tutto il male impiantato dal colpo di stato. È una lotta che dobbiamo prendere insieme, a nome di tutti.

Per farmi uscire dalle elezioni, hanno organizzato una farsa giudiziaria con la copertura dei mass media, con la Rede Globo in testa. Avvelenarono la popolazione con ore e ore di brutti notizie su di me, la mia famiglia e lo Partito dei Lavoratori. La operazione “Lava Jato” accusava e la mia difesa era disprezzata, quando non era semplicemente censurata. La Costituzione e le leggi furono ignorate, come se ci fosse un codice penale di eccezione, solo per Lula, in cui i miei diritti venivano sistematicamente negati.

Come se non bastasse arrestarmi, per i crimini che non ho mai commesso, mi è stato proibito di partecipare ai dibattiti e ai sabatinas nel processo elettorale; proibita la mia candidatura, contraria alla legge e all’ONU; mi hanno proibito di rilasciare interviste, mi hanno proibito fino a quando non ho assistito allo funerale di mio fratello maggiore deceduto all’inizio di questo anno. Vogliono che io sparisca, ma non sono io che loro devono temere, devono temere sono le persone che si identificano con il nostro progetto e vedono nella mia candidatura la speranza di recuperare il percorso di una vita migliore.

Giorni fa, ho detto addio al mio caro nipote Arthur. Ho sentito tutto il peso dell’ingiustizia che ha colpito la mia famiglia. Il piccolo Arthur è stato discriminato a scuola per essere mio nipote e ha sofferto molto. Così gli ho promesso che non mi fermerò finché la mia innocenza non sarà riconosciuta in un giusto processo.

Nella profonda tristezza di quel momento, ricordo di aver detto: “Ti mostrerò che i veri ladri sono quelli che mi hanno condannato”. Poco dopo, il giornalista Luís Nassif ha rivelato al pubblico l’accordo illegale e segreto tra i procuratori di Lava Jato, Tribunale federale di Curitiba, governo degli Stati Uniti e Petrobras, per un importo di 2,5 miliardi di reais.

Questo importo è stato portato dalla più grande compagnia del popolo brasiliano da un tribunale di New York, sulla base delle accuse fatte di delazione premiate (delações premiadas) portati a loro dai pubblici ministeri del Brasile. E sono andati lì negli Stati Uniti, con la copertura dell’allora procuratore generale, per indebolire ulteriormente un’azienda che è del popolo brasiliano.

In cambio di questa fortuna, Lava Jato si è impegnata a consegnare i segreti e le informazioni strategiche delle nostre Petrobras allo straniero.

Queste non sono atti indeterminati, ma prove concrete: documenti firmati, atti d’ufficio di autorità pubbliche. Questi moralisti senza morale ora hanno un alto potere nel nuovo governo eletto perché hanno impedito la mia candidatura. Ma chi è in prigione è Lula, che non ha mai posseduto un appartamento o un posto, che non ha mai firmato contratti di Petrobras, che non ha mai avuto conti segreti come quello che è stato scoperto ora.

Piuttosto che manifestare l’indignazione per questi fatti, voglio dirvi che il tempo sta rivelando la verità. Che non possiamo perdere la speranza che la verità vincerà, ed è dalla nostra parte. Ecco perché esorto ognuno di noi a rafforzare la nostra lotta per la democrazia e la giustizia sempre di più. E raggiungeremo questi obiettivi solo difendendo i diritti del popolo e la sovranità nazionale, perché era contro questi valori che hanno fatto il colpo di stato in 2016 e hanno interferito nelle elezioni dal 2018, volevano e vogliono trasferire la ricchezza nazionale ed escludere i programmi sociali.

Che i comitati Lula Livre abbiano questo chiaramente e agiscano sempre di più nella società, nelle reti, nelle scuole e nelle strade.

Ho fede in Dio e confido nella nostra organizzazione per affermare con grande certezza: il nostro rincontro accadrà. E il Brasile potrà sognare ancora con un futuro migliore per tutte e tutti.

Grazie mille compagne e compagni.

Un grande abbraccio 

Luiz Inácio Lula da Silva *

Curitiba, Brasile – 16 marzo 2019

 * Traduzione del Comitato Italiano Lula Livre

Lascia un Commento

*

Scrivi anche tu
su Traffico di parole

GLI ARTICOLI PIU LETTI

PAROLE IN TRAFFICO

CATEGORIE

Meta