Coal in the rich world: the mixed fortunes of a fuel

lunedì 7 Gennaio, 2013
Domenico Astuti
Letto 0 volte

In un mondo tecnologico come quello attuale, i grumi neri del carbone potrebbero sembrare qualcosa di anacronistico. Ma questo combustibile è molto lontano dall’essere superato. Le centrali elettriche a carbone forniscono circa i due quinti dell’energia elettrica mondiale. E il raddoppiamento della produzione di energia elettrica negli ultimi dieci anni è per due terzi derivato proprio dal carbone.

Di questo passo, entro cinque anni il carbone sarà in competizione con il petrolio per diventare la più grande fonte primaria di energia mondiale. Il fattore principale di questa crescita è stata l’enorme sete di energia della Cina, che nel 2011 ha superato gli Stati Uniti ed è diventata la più grande produttrice mondiale di elettricità.

Dal 2001 al 2011, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, la domanda di carbone in Cina è triplicata. Mentre in India dal 2010 sta aumentando del 6 per cento all’anno. E perfino in Europa, nonostante le campagne di allarme sui cambiamenti climatici, il consumo di carbone è tornato a crescere.
Da un articolo dell’Economist

Lascia un Commento

*

Scrivi anche tu
su Traffico di parole

CATEGORIE

Meta