Abbiamo visto “ Videocracy-basta apparire “ regia di Erik Gandini.

giovedì 10 Settembre, 2009
Domenico Astuti
Letto 0 volte

Il documentario di Erik Gandini, regista di Bergamo che vive in Svezia; sugli ultimi trent’anni di fanciulle scosciate e giovanotti palestrati, di casalinghe disperate e reality irreali, di gossip eretti a sistema: la tesi ? La tv in Italia ha preso il posto della democrazia. E’ un reportage sull’Italia berlusconiana e sulle mutazioni antropologiche e culturali. C’è Berlusconi, c’è Fabrizio Corona, c’è Lele Mora e sullo sfondo un cazzaro di tornitore che vive con mammà che vuole apparire in tv, Briatore, La Ventura, Fini e tanti italiani. Che dire ? E’ un documentario dalle buone intenzioni ma che non dice niente di veramente nuovo, un po’ dispersivo e dal pensiero periferico, con una voce in off a volte fastidiosa nella sua lentezza e voglia di didatticità.

Dopo la visione cosa resta ? Un’amarezza che sa di vuoto pneumatico, una conferma di sconforto esistenziale: verrebbe voglia di non salvare nulla di questo Paese, di sfancularlo in toto. Perché se hai un cancro terminale la pillola che ti porta l’infermiere gentile ( chi resiste ) non può darti alcun sollievo.

Le cose che ti restano del documentario ? Il telefonino di Mora con la svastica e la musichetta di faccetta nera, il sorriso di Berlusconi e il viso angosciato di Corona che sarebbe un personaggio da raccontare in un romanzo, ma purtroppo non ci sono nè Stendhal nè Maupassant né Dostoesvkij da queste parti del mondo.

Lascia un Commento

*

Scrivi anche tu
su Traffico di parole

CATEGORIE

Meta